Le nostre asticelle

Ci aspettiamo che la vita riprenda, prima o poi. Attendiamo una salvifica normalità. È legittimo, dopo quasi un anno dall’inizio dell’emergenza. Il problema che intravedo è l’apatia generalizzata.

Uno degli aspetti deleteri dell’emergenza sanitaria è che, come opinione pubblica, abbiamo spostato l’asticella delle aspettative verso il basso. Il governo gioca con i colori – zone rosse, arancioni, gialle, ora leggo che ce ne potrebbe essere una pure bianca – e va a rilento con la campagna di vaccinazione, più interessato ai simboli e alle primule ch…

This post is for paying subscribers